Chi Siamo

 

ASSOCIAZIONE SPORTIVA

 

 

L’ Argentina Bike viene fondata nel 2000 da un gruppo di amici che decide di sviluppare il proprio interesse verso le discipline gravity della mountain bike e così oltre a praticarle decide di pulire, costruire ed attrezzare alcuni sentieri nell’immediato entroterra di Sanremo.

La località si chiama Molini di Triora e si trova in alta Valle Argentina da cui prende appunto il nome l’associazione.

Una particolare conformazione del territorio e la secolare presenza dell’ uomo nei boschi della vallata hanno creato una rete di sentieri magnifici e adattissimi all’uso della mountain bike e una comoda strada asfaltata permette di raggiungere in brevissimo tempo tutte le partenze dei sentieri. Sono gli anni in cui si inizia a parlare di free ride e così dopo aver recuperato la percorribilità dei sentieri con un’accurata pulizia dalla vegetazione, dagli alberi caduti e ripristinati quelli con tratti franati  che ne aveva impedito il transito il gruppo decide di comprare un pulmino 9 posti ed un rimorchio per le bici e iniziare a fare un servizio navetta per i soci dell’Argentina Bike.

Dopo qualche tempo iniziano a venirci a trovare alcuni amici e poi altri e  quasi senza accorgersene l’associazione si è trovata ad aver creato il primo bike park italiano dove praticare free ride con un servizio navetta.

L’entusiasmo in quel momento è alle stelle, continuano a saltar fuori nuovi sentieri, sempre più interessanti, le prestazioni delle biciclette migliorano di anno in anno e permettono di affrontare difficoltà tecniche sempre più grandi, l’Alta valle Argentina e Molini di Triora, paesino base dell’associazione, inizia ad essere conosciuto in Italia ed all’estero e i più importanti nomi della discesa mondiale vengono a girare sui nostri percorsi, Vouilloz, Barel, Herin, Camellini, Amour, Giordanengo diventano assidui frequentatori e piacevoli amici, si organizzano week end, cene, uscite notturne, veramente un periodo fantastico.

Indimenticabile per noi il primo week end organizzato, con noi alcuni ragazzi di Sanremo ed un paio di albergatori di Finale che cogliendo al volo l’idea diventano poi i principali promotori dello sviluppo del free ride nel finalese.

Nel giro di un paio di anni si arriva ad avere più di una 70 di km. di sentieri e considerando anche quelli un po’ più lontani addirittura un centinaio.

Il furgone tutti i sabati e le domeniche brucia gasolio per trasportare i numerosi appassionati che ci vengono a trovare.

Tra questi, un giorno, si presentano sei ragazzini di Sanremo che vorrebbero provare, e dopo qualche tempo evidenziano notevoli doti di guida e così si è  pensato di creare una squadra agonistica e di portare i ragazzi a fare gare di downhill….. ma questa è un’altra storia.

 

In tutti questi anni l’Argentina Bike si è anche occupata anche dell’organizzazione del prestigioso “Meeting Internazionale Downhill Città di Sanremo”, in un primo tempo, dal  98 al 2001, la società organizzatrice risultava in realtà un’altra, il G.S. San Giacomo, ma il nucleo forte era formato dalle persone che poi hanno creato l’A.B. e che poi hanno preso in mano in tutto per tutto la manifestazione.

Dalla prima edizione del ‘98 in cui gli iscritti erano 130 circa si è arrivati nel 2007 alla necessità di accettare solo un numero chiuso di iscrizioni perché nel 2006 si era arrivati a 450, poi fortunatamente ridotti 356 partenti, rendendo la gara di difficile gestione.

Nel 2007 il numero concesso di iscritti era 300, le iscrizioni si sono aperte un martedì a mezzanotte e il mercoledì pomeriggio si era già raggiunta il numero stabilito.

Tra i partecipanti compaiono nomi di fama mondiale come i francesi Vouilloz (dieci volte campione del mondo), Barel (due volte campione del mondo), Camellini, Pascal,  ma anche svizzeri  Beer, Peyer, il tedesco Klausmann, il belga Nico Vink, gli olandesi Gerwin Peters e Bas De Bever, lo spagnolo Saiz gli inglesi Fairclough e Simmond e anche il neozelandese Sam Blenkinsop oltre naturalmente a tutti i nomi più importanti del discesismo nazionale dal 1994 ad oggi.

I commenti sono chiusi